Una sconfitta per il Paese, non per Renzi

05-dicembre-2016
epa05660299 The Italian Prime Minister, Matteo Renzi, speaks at the Palazzo Chigi in Rome, Italy, 04 December 2016 after the referendum on constitutional reform, with his wife Angese Landini in the background. Matteo Renzi has announced his resignation after exit polls on 04 December 2016 suggest a 'No' vote victory in a crucial referendum to which Renzi had tied his political future. The referendum is considered by the government to end gridlock and make passing legislation cheaper by, among other things, turning the Senate into a leaner body made up of regional representatives with fewer lawmaking powers. It would also do away with the equal powers between the Upper and Lower Houses of parliament - an unusual system that has been blamed for decades of political gridlock.  EPA/GREGOR FISCHER

“Questa non è la sconfitta di Matteo Renzi. E’ una sconfitta per l’Italia e anche per l’Europa. E’ la sconfitta di tutti coloro che credevano che il nostro paese potesse finalmente cambiare. L’Italia ha perso un’occasione storica per diventare un paese più efficiente, meno burocratico, più stabile. Mentre l’Europa, con la caduta di Renzi, perde

social FB TW

L’Europa ci guarda. Buon voto!

“L’Italia è di fronte ad una opportunità storica: può dimostrare al mondo che è capace di cambiare. E al tempo stesso di creare le condizioni per quella stabilitá politica che per decenni è sembrata impossibile da raggiungere.

Il canone RAI scende a 90 euro

“Il canone RAI viene ulteriormente diminuito. Dall’inizio di quest’anno il canone era sceso da 113 euro a 100 euro. Dall’anno prossimo si riduce ulteriormente passando a 90 euro annui. Un bel taglio, che vale anche per gli

Mai un Governo così amico degli italiani all’estero

“Mai come negli ultimi due anni e mezzo le istanze degli italiani nel mondo sono state prese sul serio. Dopo essere stati snobbati per anni, le richieste di noi deputati eletti all’estero in rappresentanza delle nostre comunità, hanno

Perchè votare SÌ al referendum costituzionale

“Con il SÌ alla riforma costituzionale, già votata in Parlamento a larga maggioranza, l’Italia ha finalmente l’occasione di aggiornare il funzionamento della propria macchina statale e di diventare un paese più moderno, più

Newsletter speciale. Buon voto: basta un sì

Care democratiche e cari democratici in Europa, votando Sì al referendum costituzionale possiamo decidere il futuro dell’Italia e renderla finalmente un Paese normale, meno burocratico, più efficiente e meno costoso. Proprio in queste ore stanno

4 milioni di euro in più per lingua e cultura all’estero

“É una grande soddisfazione potere annunciare lo stanziamento di ulteriori quattro milioni per corsi di lingua e cultura italiana all’estero. Significa che i ragazzi nel mondo che frequentano attualmente corsi di italiano potranno

Toni scomposti del NO preannunciano loro sconfitta

“Diversi esponenti dell’eterogeneo fronte del “no” al referendum costituzionale in queste ore stanno montando ad arte una polemica disgustosa, mettendo in dubbio la validità del voto degli italiani all’estero. Si tratta di un

Chi ha vissuto il No della Brexit sa quanto vale il SÌ

“Con questo referendum non si vota a favore o contro il Governo. Si vota sul futuro del Paese. Con la vittoria del Sì, l’Italiadimostra di riuscire finalmente a realizzare quelle innovazioni di cui si parlava da trent’anni a questa

Votiamo Sì per un’Italia forte e autorevole nell’UE

“Bisogna scaldare i cuori, in Italia ma anche in Europa, in vista del referendum del 4 dicembre. I dati ci dicono che un elettore su due ritiene di non andare a votare. Gli indecisi saranno determinanti per i risultati della consultazione. Ecco