Mafia? Nein, danke!

Le autorità tedesche hanno lodato il lavoro dell’associazione “Mafia? Nein danke!” e il suo impegno per la legalità a Berlino definendolo un “modello per la lotta contro la mafia” (Die Welt, 4. Januar 2009). Un apprezzamento riferito al coraggio dimostrato nel 2007 con la ribellione dei ristoratori e dei commercianti italiani alle estorsioni mafiose, e al lavoro di informazione che “Mafia? Nein danke!” rivolge ai giovani nelle scuole e in numerosi incontri pubblici.

L’associazione è stata fondata nel 2007 da Laura Garavini insieme ad alcuni noti ristoratori italiani in Germania subito dopo la strage di Duisburg, quando alcun killer della `Ndrangheta avevano ucciso sei italiani davanti ad un ristorante. L’opinione pubblica in Germania e in tutta l’Europa era scioccata. I giornali tedeschi pubblicavano titoli come: “Dove c’è pizza, c’è mafia”.

Ispirandosi all’iniziativa siciliana “Addiopizzo”, il giorno dopo la strage di Duisburg, Laura Garavini si è quindi messa in contatto con alcuni ristoratori a Berlino che conosceva da anni. Tanti noti ristoratori di Berlino come Pino Bianco, Fabio Angilé, Gino Puddu, Enzo di Calogero, Massimo Mannozzi e altri ancora hanno aderito spontaneamente. Gli aderenti all’iniziativa si sono impegnati per iscritto a denunciare alla polizia ogni tentativo di estorsione e a non assumere nessuno che fosse in contatto con ambienti mafiosi. In breve tempo, l’iniziativa si è estesa anche in altre città, per esempio a Colonia.

Così, nel dicembre 2007, “Mafia? Nein danke!” è al centro di una ribellione contro le estorsioni e dà un contributo importante per l’arresto di alcuni estorsori mafiosi. Decine di ristoratori italiani a Berlino erano stati minacciati. Per diffondere la paura e costringerli a pagare, gli estorsori avevano dato fuoco a un ristorante e ad una macchina. Gli imprenditori, però, non si sono lasciati intimorire. Con il sostegno di “Mafia? Nein Danke!”, 44 di loro hanno denunciato gli estorsori. È stata la più grande ribellione al pizzo mai vista fuori d’Italia, e la polizia tedesca ha raccomandato l’iniziativa “Mafia? Nein danke!” come modello da seguire nella lotta contro la criminalità organizzata.

Oggi I fondatori di “Mafia? Nein danke!”, insieme a nuovi iscritti italiani e tedeschi, continuano ancora il loro impegno contro tutte le mafie. Ogni anno organizzano a Berlino (e da due anni anche in altre città della Germania) la “Settimana della legalità”; un evento attraverso il quale l’associazione illustra le dimensioni internazionali delle mafie e le misure necessarie per combatterle. Le “Settimane della legalità” hanno ospitato diversi rappresentanti dell’antimafia e delle istituzioni, quali Piero Grasso, Raffaele Cantone, Don Cozzi, Tano Grasso, Antonio Ingroia, Giuseppe Lumia, Francesco Forgione, ma anche uomini e donne del mondo della cultura, come le scrittrici Laura Aprati o Petra Reski.

Durante una delle prime edizioni della “Settimana della legalità”, insieme agli studenti del liceo italo-tedesco Albert Einstein di Berlino, “Mafia? Nein danke!” ha piantato  nel cortile della scuola “L’albero della legalità”. L’albero viene curato con dedizione dagli allievi italo-tedeschi, che ogni anno vengono coinvolti in un nuovo incontro nel quadro della “Settimana della legalità” .

Un gruppo particolarmente attivo di “Mafia? Nein danke!” è cresciuto negli ultimi anni nella zona del Reno-Neckar, che comprende le città di Mannheim, Heidelberg e Magonza. Con diverse iniziative pubbliche, “Mafia? Nein danke!” si rivolge soprattutto ai giovani e agli studenti della zona.

Oltre ad un concreto contributo per la legalità, le iniziative di “Mafia? Nein danke!” hanno consentito di smorzare gli stereotipi negativi che pesano spesso sugli italiani all’estero. Con il suo lavoro, “Mafia? Nein danke!” ha infatti dimostrato che la comunità italiana è fortemente impegnata contro la criminalità organizzata. “Laddove ci sono gli italiani, c’è un forte ‘no’ alla mafia – in Italia, all’estero, dappertutto”, dice Laura Garavini.

 

RASSEGNA STAMPA

NASCITA DELL’INIZIATIVA “MAFIA? NEIN DANKE!” 21 agosto 2007

FONDAZIONE DI “MAFIA? NEIN DANKE!”: COLONIA 11 settembre 2007

RIBELLIONE AL PIZZO A BERLINO NEL dicembre 2007

IL LOGO DI “MAFIA? NEIN DANKE!”

VOLANTINI SCARICABILI