Roma, 23 gen. - "Abbiamo dovuto combattere per anni con i nostri Governi Renzi e Gentiloni per indurre l'Europa a farsi carico delle questioni migratorie. E adesso bastano poche dichiarazioni dissennate dell'attuale Governo per isolare l'Italia. E per compromettere l'unico grande progetto europeo di gestione dei flussi migratori. L'operazione Sophia è a favore dell'Italia e non contro il nostro paese. Non a caso si svolge sotto la nostra guida. Sophia è lo strumento con cui abbiamo portato l'Europa ad occuparsi di immigrazione, investendo fondi europei nel contrasto ai trafficanti di esseri umani e nel controllo delle frontiere. Senza di essa ci troveremmo nuovamente a dover affrontare da soli le partenze dal Nord Africa".

Roma, 22 gen. - "Sei andato all'estero e vuoi rientrare? Arrangiati, peggio per te. È la filosofia di questo Governo. L'alleanza tra leghisti e cinquestelle continua a creare danni alle nostre comunità nel mondo. Che non solo saranno private delle risorse a suo tempo stanziate dai Governi PD e non rifinanziate. Ma oggi si vedono negare anche la possibilità di accedere alle misure di sostegno al ricollocamento lavorativo. A causa del decreto sul Reddito di cittadinanza. Che, imponendo il vincolo di due anni di residenza continuativa, taglia fuori tutti i nostri connazionali all'estero".

Roma, 22 gen. - "Che questo Governo avesse scarsa attenzione per le realtà delle migrazioni ce ne eravamo già accorti e lo avevamo denunciato a più riprese. Il Decreto sul Reddito e sulle Pensioni di cittadinanza appena approvato dal Consiglio dei Ministri non solo rafforza la nostra convinzione, ma dimostra una totale insensibilità e ottusità politica nei confronti delle nostre collettività all’estero. L’esempio più eclatante è il vincolo - dei 10 anni di residenza di cui gli ultimi due continuativi al momento della presentazione della domanda - necessario per ottenere il reddito e la pensione di cittadinanza. Si tratta di un requisito che esclude dai benefici previsti tutti i nostri emigrati, sia se risiedano all’estero sia se intendano tornare in Italia.

Roma, 18 gen. - " È significativo il riconoscimento del Presidente della Repubblica alle nostre comunità in Germania. Sia perché, con le sue parole, Mattarella ha ricordato come gli italiani all'estero siano veri e propri ambasciatori del nostro Paese. Sia perché con la loro presenza i nostri connazionali si fanno reali portavoce dell'amicizia tra i nostri due Paesi ". È quanto dichiara la Senatrice PD Laura Garavini, presente oggi all'incontro di Sergio Mattarella presso l'ambasciata italiana di Berlino. "Le parole pronunciate oggi da Mattarella riconoscono la giusta dignità a una comunità centrale come quella dei connazionali in Germania - aggiunge la Senatrice - una comunitá che rappresenta un tassello importante nei consolidati rapporti di amicizia tra Italia e Germania, anche in tempi burrascosi come quelli attuali".

La Senatrice, eletta nella ripartizione Europa, a sostegno della petizione lanciata da eccellenze italiane all'estero

Roma, 17 gen. - "La società civile si schiera contro la riduzione dei diritti degli italiani nel mondo. L'appello al Governo dimostra che gli elettori credono nelle istituzioni e nella rappresentanza parlamentare. Che non è possibile banalizzarla, tentando di ridurla a una mera questione di casta. Ancor di più quando si parla di una circoscrizione come quella estera, dove si vorrebbe ridurre il numero di eletti a fronte di un aumento dei connazionali che espatriano".

La Senatrice, componente Commissione Antimafia, che nel 2007 guidò in Germania una rivolta di ristoratori contro il racket dei clan 'ndranghetisti

Roma, 17 gen. - "La scoperta dell'esistenza di una vera e propria cellula della mafia in Germania deve indurci, ancora una volta, a riflettere sull'importanza della collaborazione tra Stati europei nella lotta alla criminalità organizzata. I singoli Paesi, da soli, non possono lottare contro un sistema che dimostra sempre più la sua capacità di replicarsi e riorganizzarsi nei diversi tessuti economici e sociali". "Fa male apprendere come il sodalizio criminale smascherato dall'operazione "Extra Fines 2 - Cleandro" abbia potuto contare anche sulla complicità di alcuni esponenti infedeli delle forze di polizia. Ma, a fronte di questi singoli casi, sono invece innumerevoli quelli delle donne e degli uomini in divisa che rendono possibili risultati di questo tipo, grazie al loro impegno quotidiano".

 

Roma, 2 gen. - “Chirurghi, pediatri, anestesisti. In Italia mancano già oggi migliaia di medici. Ed il problema è destinato ad aumentare, con l‘entrata in vigore di „quota 100“, la nuova modalità di pre-pensionamento introdotta dalla maggioranza con la legge di Bilancio. Si stima che entro i prossimi dieci anni almeno un terzo dei residenti nella Penisola non potrà avvalersi del medico di famiglia a seguito della carenza di dottori. Contemporaneamente migliaia di specialisti di medicina di origini italiane lavorano all’estero. In soli 10 anni - dal 2005 al 2015 - sono espatriati dall’Italia oltre 10.000 medici.

La Senatrice intervenendo in Commissione Antimafia

Roma, 19 gen. - "È inutile fare grandi proclami di intenti sulla lotta alle mafie, se poi si approvano leggi che creano gravi falle nel sistema del contrasto alla criminalità organizzata. È il caso della misura prevista in Legge di Bilancio che innalza da 50mila a ben 150mila euro la soglia per l'indizione di appalti senza gara. Ed è il caso del blocco delle assunzioni anche per l'Agenzia dei beni confiscati. Una struttura fondamentale per colpire gli interessi economici delle mafie che rischia di non poter funzionare, se i nuovi dipendenti previsti dal cosiddetto decreto sicurezza non potranno essere assunti per il blocco dei concorsi pubblici.

La Senatrice PD intervenendo in Commissione Esteri nel corso della sua interrogazione sulle attività didattiche nella circoscrizione di Friburgo

Roma, 9 gen. - "Oltre mille alunni italiani in Germania sono attualmente senza corsi di lingua italiana. Questo perché il Ministero agli Affari Esteri ha opportunamente provveduto alla sostituzione dell'ente gestore nella circoscrizione di Friburgo, non più in grado di garantire i corsi. Bisogna adesso accelerare la ripresa delle lezioni". È quanto ha dichiarato la Senatrice PD Laura Garavini, intervenendo in Commissione Esteri nel corso della sua interrogazione sulle attività didattiche nella circoscrizione di Friburgo.

Roma, 9 gen. - "Fino a 5mila immigrati irregolari in più al mese. Eccolo il grande successo del Governo gialloverde. Avevano sbandierato nuovi accordi con i paesi di provenienza entro l'autunno per aumentare il numero dei rimpatri. Ma ad oggi gli unici in vigore sono quelli pattuiti dal nostro Governo PD con il ministro Minniti. Avevano annunciato mezzo milione di rimpatri. Ma tre espulsi su quattro rimangono in Italia. E intanto gli irregolari aumentano. Così come l'insicurezza. È questo il brillante risultato di un ministro che è sempre troppo impegnato a farsi i selfie piuttosto che pensare alla sicurezza di questo paese".

Roma, 8 gen. - "Dopo anni di fango e fake news sul nostro decreto banche, ecco che i 5stelle calano la maschera. E, pur di salvare la banca della città del loro padre-padrone Beppe Grillo, attingono ai soldi stanziati dai Governi Renzi-Gentiloni adottando misure uguali a quelle da noi adottate a suo tempo. Tutto deciso in pochi minuti, con un Consiglio dei Ministri notturno. Non sarà certo il buio a salvarli dal giudizio dei loro elettori". "Da questo Governo solamente menzogna e propaganda. Hanno cavalcato il disagio di alcune fasce sociali additando il Pd come la causa di tutti i loro mali. Descrivendoci come gli 'amici dei banchieri'. Ma il tempo è galantuomo. E presenta il conto a chi governa facendo propaganda. Il fango è un boomerang. Prima o poi torna sul volto di chi lo lancia". È quanto dichiara la Senatrice PD Laura Garavini, Vicepresidente Commissione Difesa.

Come seguirmi in rete

Scoprite in tempo reale le iniziative e le ultime notizie sui principali social networks