Roma, 8 ago. - "Le regole europee ci sono. E gli organismi internazionali pure. Ma i singoli Stati non le attuano. Preoccupano i dati diffusi dalla Commissione Ue. Che ci parlano di oltre 200 miliardi di euro l'anno legati al riciclaggio di denaro sporco, in Europa. Gran parte dei quali provenienti da settori tradizionalmente rischiosi come il gioco d'azzardo e i money transfer". Lo dichiara la Senatrice Pd Laura Garavini, componente della commissione Antimafia. "Casi di riciclaggio resi possibili dal fatto che le stesse banche talvolta non rispettano i requisiti antiriciclaggio. Comportamenti di questo tipo alimentano il diffondersi di una zona grigia. Che va invece debellata, attuando quelle normative comunitarie pensate apposta per contrastare il riciclaggio di denaro sporco nei Paesi aderenti. E dotando Eurojust, l'organismo europeo deputato al contrasto al crimine organizzato, di risorse umane ed economiche maggiori".

Come seguirmi in rete

Scoprite in tempo reale le iniziative e le ultime notizie sui principali social networks