Roma, 11 lug. - "È positiva la ratifica di accordi che rendono più semplici ed efficaci le modalità di trasferimento in altri paesi di soggetti sui quali pendono mandati d'arresto internazionali e che permettono di contrastare la criminalità organizzata internazionale, grazie anche all'ausilio delle innovazioni tecnologiche, potenziando la cooperazione tra Stati sia in fase di indagine che in ambito processuale". Lo ha dichiarato la Senatrice PD Laura Garavini intervenendo in aula per annunciare il voto favorevole del Partito Democratico sulla ratifica di accordi internazionali in ambito di estradizione.

Roma, 11 lug. - "Con il voto sul taglio dei parlamentari, va in scena una nuova maggioranza. Il Governo Lega, 5stelle e Maie si tinge ulteriormente di nero, grazie al voto favorevole di Fratelli d'Italia, partito erede del Movimento Sociale. Il Governo è quindi sempre più sbilanciato a destra. A conferma di quanto noi democratici abbiamo sostenuto fin dall'inizio. I 5stelle sono una forza che si presenta come liberale. E che punta, invece, a minare le basi della nostra democrazia. Per questo i grillini si trovano così bene a governare con i leghisti, che vanno a braccetto con Putin. Una compagnia che da oggi si allarga anche ai parlamentari della Meloni. Gli stessi che non hanno mai nascosto la loro nostalgia per il ventennio fascista. C'è ancora qualcuno di sinistra disposto a votare per Grillo?". È quanto dichiara la Senatrice Pd Laura Garavini.

Fratelli d'Italia vota contro eletti all'estero. In onore alla memoria di Tremaglia"

Roma, 10 lug. - "Parlano di riduzione dei costi. Ma in realtà l'unica cosa che diminuiscono è la democrazia. Con questa riforma, la maggioranza taglia il numero dei parlamentari lasciando intatto il bicameralismo perfetto. Se avessero avuto realmente interesse a snellire e rendere più produttivo il Parlamento, avrebbero votato l’abolizione del bicameralismo perfetto, da noi prevista nella nostra riforma costituzionale. Con la quale abolivamo il Cnel e ridisegnavamo Senato e Regioni. Ma hanno preferito dire 'no' e proporre oggi una riforma che presentano come epocale. Ma l'unica cosa epocale è la pietra tombale che mettono sulla democrazia rappresentativa. A cominciare da quella degli italiani nel mondo".

Roma, 5 lug. - "Con la recente approvazione del Decreto Crescita si è aggiornato il sistema di agevolazioni fiscali a favore dei lavoratori che decidono di rientrare in Italia. I nuovi benefici fiscali potranno essere usufruiti da coloro che rientrano a partire dall'anno prossimo, andando a modificare la legge Controesodo e i successivi suoi aggiornamenti. (articolo 16 del decreto legislativo numero 147 del 2015, e  quello del rientro dei cervelli previsto dall'articolo 44 del DL numero 78 del 2010). In sintesi i nuovi benefici saranno i seguenti:

Roma, 4 lug. - "Da inizio luglio i sistemi previdenziali di tutta Europa dialogano tra loro, scambiandosi i dati dei lavoratori. Si tratta di una vera e propria rivoluzione a livello di pubbliche amministrazioni europee. Infatti dal 3 luglio 2019, grazie alla legislazione europea sul coordinamento dei regimi di sicurezza sociale, è diventato operativo il cosiddetto sistema EESSI (Electronic Exchange od Social Security Information) che prevede lo scambio telematico dei dati. Anche l'Inps si è adeguato al nuovo sistema (che interesserà i Paesi UE, gli stati SEE e la Svizzera)  e scambierà quindi tutte le necessarie informazioni con gli Enti previdenziali degli altri Paesi europei attraverso documenti elettronici strutturati che progressivamente sostituiranno gli attuali formulari cartacei".

Roma, 28 giu. - "La soluzione alla carenza dei medici negli ospedali italiani c'è. Ampliare i posti per le borse di studio delle scuole di specializzazione. E sostenere il rientro dei tanti bravi medici italiani all'estero. Che hanno studiato qui e attualmente prestano la loro professionalità in altri Paesi. Il vuoto di camici bianchi era un problema annunciato. E che ho personalmente affrontato con un'interrogazione parlamentare e con degli specifici emendamenti alla legge di bilancio. Preparati ascoltando le richieste delle associazioni di categoria. Che da più parti individuano proprio in questi due strumenti la soluzione del problema". "In quell'occasione, la maggioranza non ha voluto accogliere un'istanza più che sensata e condivisibile.

Roma, 27 giu. - "Altro che crescita. Questo decreto, tanto sbandierato dalla maggioranza gialloverde, produce seri danni alla nostra economia. Perché con l'introduzione di diversi dettagli normativi lede la credibilità del paese e disincentiva dall'investire in Italia, come già si vede dalla preannunciata chiusura dell'Ilva di Taranto da parte dell'attuale investitore ArcelorMittal, proprio a seguito di quanto deliberato nel decreto. Il provvedimento tra l'altro stanzia cifre irrisorie per sostenere la crescita: appena 400 milioni di euro. Praticamente nulla, rispetto ad una disoccupazione crescente, ad una esplosione della cassa integrazione e ad un continuo esodo di giovani talenti dall'Italia".

Roma, 26 giu. - "L'esenzione dall'Imu sia estesa anche ai connazionali all'estero. Il decreto crescita prevede infatti tutta una serie di nuovi soggetti che vengono espressamente esentati dal pagamento della tassa sulla prima casa. Ma tra i vari beneficiari il Governo giallo verde non ha previsto gli italiani nel mondo. Per questo, come Pd, abbiamo presentato un emendamento volto ad esonerare dal pagamento di IMU e TASI tutti i connazionali residenti all'estero e regolarmente iscritti all'Aire, in aggiunta ai pensionati". "Ad oggi, Lega e 5stelle non hanno dimostrato attenzione nei confronti di chi vive nel mondo. Anzi, non hanno rinnovato i principali capitoli di spesa dedicati agli italiani all'estero, in particolare lingua e cultura. La maggioranza dimostri di non volerli penalizzare ulteriormente, approvando questo emendamento". È quanto dichiara la Senatrice Pd Laura Garavini, in occasione del voto al Senato sul decreto crescita.

La Senatrice ospite del Pd a Monaco

Roma, 26 giu. - "I partiti di maggioranza continuano a strumentalizzare le questioni migratorie come alibi per distrarre l'opinione pubblica dai problemi veri del paese: stagnazione economica, aziende che chiudono, disoccupazione crescente, mercato immobiliare e settore edilizio fermi. Nessun investimento per la crescita. Solo regalie elettorali a pioggia, come quota 100 e reddito di cittadinanza, per alimentare il proprio bacino elettorale. Provocando un grave ulteriore aumento del debito pubblico. Tutto a spese delle nuove generazioni e delle tasche dei contribuenti".

Roma, 26 giu. - "Il Governo sostenga il rientro dei nostri talenti dall'estero con i fatti. E non solo a parole. Se è positivo l'estensione nel decreto Crescita degli incentivi per il controesodo, da noi a suo tempo introdotti, è però assurdo che ne venga rinviata l'introduzione solo per chi rientra dal 2020. Escludendo quindi tutti coloro che torneranno in Italia nell'anno in corso. A partire dai tanti connazionali che stanno lasciando il Regno Unito a causa della Brexit. E che rischiano di recarsi in un Paese diverso dall'Italia, proprio perché esclusi dai benefici fiscali. È auspicabile che la maggioranza recepisca il nostro emendamento PD che mira a favorire il rientro, a non creare inique disparità e che segna un'inversione di tendenza rispetto al crescente numero di espatri". È quanto dichiara la Senatrice Pd Laura Garavini.

La Senatrice a Darmstadt, ospite della locale SPD

Roma, 25 giu. - "La realizzazione degli Stati Uniti d'Europa oggi non è immaginabile. Ma sta crescendo una nuova generazione in cui le persone sempre di più si sentono europei. Non è un caso che proprio tra i giovani l'amore per l'Europa stia aumentando alla grande. Io non credo che avremo gli Stati Uniti d'Europa domani e neanche passato domani. Ma mi auguro che la generazione di mia figlia ne possa vedere la realizzazione". "Credo che solo se riusciremo a muoverci in modo compatto e unitario, come Stati Uniti d'Europa, saremo in grado di affrontare tutta una serie di sfide che il futuro ci riserba. E potremo riuscire a preservare quei valori che contraddistinguono la nostra identità. Valori come la democrazia, la tolleranza, l'umanità, lo stato di diritto, l'eguaglianza sociale. Valori che rappresentano un patrimonio importante, anche oltre l'Europa". Lo ha detto Laura Garavini, Vicepresidente della Commissione Difesa, intervenendo a Darmstadt, ospite di Santi Umberti e della locale SPD, al forum 'Una nuova Europa. E adesso?'.

Come seguirmi in rete

Scoprite in tempo reale le iniziative e le ultime notizie sui principali social networks