Roma, 31 mar. – “Sono ore difficili per l’Italia. Ma lo sarebbero state ancora di più senza il supporto dei Paesi alleati. A cominciare dalla Germania che, per prima, ha accolto i pazienti provenienti dalla Lombardia. Ad oggi sono oltre 60 i contagiati italiani nelle terapie intensive dei vari land, dalla Sassonia al Nordreno Westfalia, e altre regioni hanno già confermato la propria disponibilità. Il supporto tedesco si è manifestato in primis nell’accoglienza ospedaliera. Un aiuto per nulla scontato, legato a difficoltà logistiche enormi, a causa dell elevata contagiosità dei pazienti. inoltre Berlino ha fornito circa cento ventilatori polmonari e centinaia di migliaia di indumenti di prevenzione e di protezione contro il Covid-19 tra mascherine, tute protettive, camici, guanti e altro materiale”.

Roma, 31 mar. – “L’appartenenza all’Europa è un sentimento identitario e l’identità di un popolo si costruisce anche con le decisioni che compie. È questo il momento delle scelte. Il ricorso al Mes consente di adottare strumenti già a disposizione. Questo perché le misure devono essere il più possibile rapide e condivise. Il Mes garantirebbe i mercati finanziari, mentre una Banca europea degli investimenti ne avrebbe in carico l'operatività".

Roma, 30 mar. – “Preoccupano i nuovi poteri assunti da Orban. Il timore è che un’emergenza mondiale venga usata per legittimare un singolo leader autoritario che ha sempre apertamente osteggiato il dialogo tra i popoli e la visione solidale ed inclusiva dell’Europa. Il sogno di un’Europa dei popoli è incompatibile con un regime in cui il potere è accentrato nelle mani di un solo uomo. Un uomo che si rifiuta da anni di accettare le regole comunitarie. Il trattato di istituzione europea prevede la possibilità di sospendere l’adesione per quei Paesi che violino ripetutamente le regole dell’Unione. È il momento di valutare questa ipotesi. Mai come in questo momento, l’Europa deve essere forte e unita intorno ai propri principi. Non si può continuare silenti ad accettare le spinte antidemocratiche che giungono dai governi autoritari come quello ungherese.” Lo dichiara la senatrice Laura Garavini, Presidente Commissione Difesa e Vicepresidente gruppo Italia Viva-Psi.

 

Roma, 25 mar. – “In giro c’è grande preoccupazione per la situazione attuale. Avvertiamo il bisogno di essere vicino alla nostra gente, in un periodo oggettivamente difficile, spesso lontani dai propri cari. Magari con figli e parenti in paesi nei quali si sono diffusi focolai da coronavirus. Non essendoci ancora un vaccino, al momento l’unica arma di cui disponiamo contro il contagio è la conoscenza e l’isolamento: conoscere il virus per cercare di evitarlo. Proprio con l’obiettivo di offrire risposte ed informazioni utili su quali comportamenti adottare contro il contagio, come Italia Viva stiamo organizzando una serie di incontri in videoconferenza con i nostri comitati in giro per l’Europa. Ad ogni evento cercheremo di avere al nostro fianco un esperto in grado di fornire spiegazioni sull’origine e sull’evoluzione del virus, con consigli pratici su come affrontare l’attuale fase di emergenza. 

Roma, 25 mar. – “Conoscere il virus e i comportamenti da evitare è il primo passo per contrastarlo. È necessario attenersi alle indicazioni degli esperti ma, in tempi nei quali è doveroso rimanere in casa, non è sempre possibile consultare il proprio medico. Per questo, a partire da oggi, saranno disponibili on line brevi filmati di medici e scienziati italiani affermati nel mondo, che illustrano in maniera concreta come comportarsi al meglio, onde evitare il contagio”.

Roma, 25 mar. – “Fa molto piacere vedere che la sperimentazione in atto a livello nazionale del Tocilizumab conferma i riscontri avuti inizialmente sui pazienti sottoposti al farmaco antiartrite. Io stessa ne avevo sollecitato l‘uso, dopo avere appreso degli effetti positivi riscontrati presso diverse strutture ospedaliere sui contagiati, su segnalazione del Pascale di Napoli, secondo quanto evidenziato dal team medico. È un bene, che l’Agenzia nazionale del farmaco nel caso specifico abbia ammesso celermente la sperimentazione di questo antiinfiammatorio su pazienti gravi affetti da coronavirus”.

Roma, 25 mar. – “La nostra lingua, ispirata da Dante, ci unisce ancora oggi in tutto il mondo. Ed è importante ritrovarsi sotto questa unica bandiera letteraria per ricordare il sommo poeta. Una celebrazione che, in queste ore difficili, assume una valenza civile oltre che culturale”. È quanto dichiara la senatrice Laura Garavini, Presidente Commissione Difesa e Vicepresidente gruppo Italia Viva-Psi. “Attraverso la lettura dei suoi versi riscopriamo la bellezza del nostro patrimonio storico e rinnoviamo l’orgoglio verso questa ricchezza tutta italiana, che ci contraddistingue nel mondo. Dal Dantedì un vero e proprio balsamo, perché dalla riscoperta della nostra cultura può arrivare una cura efficace all’isolamento” conclude la senatrice.

Roma, 24 mar. – “Il tessuto imprenditoriale italiano si conferma motore sociale, oltre che economico, del Paese. Lo fa con l’impegno e la serietà di tante aziende che stanno mettendo a disposizione le loro strutture e stanno investendo risorse nella produzione. Come Giovanni Rana, che ha aumentato salari e welfare aziendale per i suoi dipendenti. Come Calzedonia, che ha riconvertito gli stabilimenti per produrre mascherine e camici. Come Peroni, che ha investito risorse nel sostegno alla filiera. E ancora tante altre”. Lo dichiara la senatrice Laura Garavini, Presidente Commissione Difesa e Vicepresidente gruppo Italia Viva-Psi.

Roma, 23 mar. – “Il lavoro del personale medico-sanitario rappresenta l’argine all'espandersi del contagio. È fondamentale salvaguardare il loro operato, dotandoli di mascherine e di tutti i supporti idonei a garantirne la sicurezza. Mascherine e guanti devono essere messi a disposizione anche  delle Forze Armate e di tutti quei lavoratori che operano a contatto con il pubblico per garantire i servizi pubblici essenziali, dal personale alle casse nei supermercati agli operatori degli istituti bancari. È un obbligo nei confronti dell’intera collettività, affinché queste categorie possano continuare a prestare il loro servizio. Ed è un dovere etico verso queste persone che svolgono un ruolo prezioso e non possono pagare con la propria salute”.

Roma, 23 mar. – “L’Inps ha rinviato la campagna di attestazione dell‘esistenza in vita per i pensionati che percepiscono una pensione italiana all‘estero. È positivo che l’ente previdenziale abbia accolto la richiesta dei patronati e abbia rinviato la seconda fase del processo di verifica a cominciare dal mese di agosto 2020, in modo che le attestazioni arrivino entro il dicembre del 2020”. “Una scelta opportuna, per dimostrare ai connazionali che la pubblica amministrazione è dalla loro parte. Attenta alla salute dei cittadini e impegnata a cercare di agevolare loro la quotidianità, in un momento difficile per tutti. Il contagio si contrasta solo unendo gli sforzi tra istituzioni e privati” Lo dichiara la senatrice Laura Garavini, Presidente Commissione Difesa e Vicepresidente vicaria gruppo Italia Viva-Psi.

Roma, 23 mar. – “In questi giorni è bene limitare al massimo gli spostamenti, per non esporre sé stessi, ed i propri cari, al pericolo del contagio. Numerosi italiani, temporaneamente all’estero, rimasti bloccati dall’inizio dell’emergenza coronavirus, vengono supportati, per consentire il loro rientro, dall’Unità di Crisi della Farnesina e dall’amministrazione, al lavoro per organizzare, là dove possibile, collegamenti speciali. Si tratta spesso di studenti Erasmus oppure di turisti che si sono visti cancellare voli e collegamenti a causa dei limiti alla circolazione, imposti dai diversi paesi. Questa settimana sono stati predisposti nuovi voli per i connazionali bloccati sulle Canarie ed in Turchia". 

Come seguirmi in rete

Scoprite in tempo reale le iniziative e le ultime notizie sui principali social networks