Vuoi iscriverti alla newsletter?

La Newsletter di Laura Garavini

Visualizza questa email nel browser

 

Care democratiche e cari democratici in Europa,

 

sono stata eletta Vicepresidente della Commissione Difesa in Senato. Un ruolo che rappresenta un riconoscimento non solo alla mia persona, ma anche a tutte/i coloro che hanno votato PD, in Europa e nel mondo. Un incarico di cui sono grata ed onorata, perchè mi permette di servire ancora di più il mio Paese. Impegnandomi in prima persona a favore della pace e della sicurezza. Due aspetti sempre meno scontati in questi tempi così turbolenti, in cui la piega xenofoba e populista che sta imprimendo l'attuale Governo, rischia di isolare fortemente il nostro Paese e di esporlo ad attacchi fino ad oggi impensabili.
 
Migranti usati come pretesto per dividere l’Unione Europea
Il Governo si è insediato solo da poche settimane. Eppure in pochi giorni si sono distrutti i successi conseguiti nel recente passato. Ad esempio in materia migratoria, dove il Ministro Minniti era riuscito a ridurre il numero degli sbarchi dei profughi del 78% in un anno. Senza rinunciare a salvare vite in mare e tessendo delicati, ma solidi rapporti con i principali partner europei. Ne ho parlato in diverse interviste a testate internazionali come Deutschlandfunk, Press TV e la radio pubblica svizzera SRF. Adesso una politica dell‘apparente pugno duro, amplificata da slogan minacciosi urlati sui social, non solo ha creato situazioni di forte tensione con i paesi storicamente amici, come Francia, Spagna, Germania. Ma rischia di esporci a qualsiasi tipo di ritorsioni a livello europeo, non solo sulla questione migranti, ma anche in termini di mancata flessibilità di bilancio.

Italia sempre più isolata
Se si vogliono ottenere aiuti dall‘Europa, non basta alzare la voce in Italia, dicendo che l‘Europa è cattiva. Bisogna battagliare a Bruxelles, ai tavoli che contano. Cosa che Lega e 5 stelle non stanno facendo. Anzi. Si alleano con quei paesi che contrastano l‘Europa (come Ungheria, Polonia, Repubblica Ceca e Slovacchia) senza rendersi conto che proprio questi sono i peggiori nemici dell‘Italia, perchè continuano a rifiutarsi di accogliere migranti. Inoltre attraverso queste alleanze il Governo Lega/5stelle rischia di mettere seriamente a repentaglio il futuro dell‘Europa. Perchè rafforza l‘asse dei paesi antieuropeisti, mettendo in difficoltà i paesi fondatori dell‘Unione Europea della Merkel e di Macron. Ne ho parlato al convegno dell’Eurispes 'I limiti dell'Eurozona‘ promosso da Carmelo Cedrone.

Un paese a misura di bambina/o
Mentre i populisti di casa nostra fanno proclami tenendo bloccata per oltre tre mesi l‘attività del Parlamento, noi democratici lavoriamo per rendere l'Italia un Paese più moderno e più vicino ai cittadini. Anche con piccole cose, che possano però migliorare la vita delle persone. Con questo obiettivo ho presentato un disegno di legge rivolto alle giovani coppie in cui chiedo di introdurre i fasciatoi in tutti gli esercizi pubblici, compresi i bagni per gli uomini. Mamme e papà viaggiano e si spostano sempre più frequentemente, anche portando con sé i figli piccoli. Oggi purtroppo sono spesso costretti a cambiarli appoggiandosi dove capita. È ora che si renda loro la vita più facile ed accogliente. Rendere la nostra società più family-friendly significa renderla più civile. Inoltre è un modo per agevolare la genitorialità, dato che ormai l’Italia a differenza del passato, è ormai il paese in cui si fanno meno figli in tutta Europa.
 
TARI: Pagare il giusto
La casa in Italia rappresenta un bene affettivo per noi che viviamo all'estero. La sentiamo nostra, anche se vi trascorriamo poco tempo durante l'anno. Ma proprio perchè ci viviamo solo poche settimane è giusto che le spese siano proporzionate all'effettivo consumo. In particolare la tassa sui rifiuti. A questo scopo abbiamo presentato - io al Senato e la collega Angela Schirò alla Camera - un disegno di legge finalizzato ad estendere la riduzione di due terzi della tassa sui rifiuti (TARI) a tutti i cittadini italiani iscritti all’AIRE, proprietari di immobili in Italia. Cioè si tratta di una legge che applicherebbe a tutti quella riduzione delle tasse sui rifiuti che già dal 2015 siamo riusciti a riconoscere ai soli pensionati, grazie al nostro Governo Pd.

Il dialogo passa dallo sport
Lo sport non è solamente una partita di pallone. È molto di più, non solo perchè esistono una miriade di discipline oltre al calcio. Ma anche perchè lo sport è lo strumento grazie al quale si accorciano le distanze. Di qualsiasi natura. Sociali, culturali e geografiche. L'attività sportiva rappresenta uno straordinario strumento di identità, ma anche di integrazione, di cui possono avvantaggiarsi anche i nostri concittadini all'estero. Per questo ho presentato un disegno di legge per la promozione dello sport italiano nel mondo. Grazie al quale potremo sostenere le iniziative di carattere sportivo delle nostre comunità all‘estero.
 
Viva i democratici!
Ma quale crisi? Il Pd continua a crescere, anche in giro per l‘Europa. Con nuovi circoli. Nuovi iscritti. E nuovi simpatizzanti. Segno che i nostri valori sono più forti della propaganda polulista. E che il Pd è l’unico partito che risponde alla forte voglia di partecipazione che c‘è nel paese, anche tra gli italiani nel mondo. Ne abbiamo parlato alcuni giorni fa al Pd di Londra. Dove ho incontrato un'assemblea vivace e appassionata. Insieme al Segretario, il collega Massimo Ungaro, alla Presidente, Mina Zingariello e ai tanti presenti.
Inoltre, sempre a Londra, ho avuto il piacere di partecipare ai festeggiamenti della comunità italo bengalese, ospite di Tipu Golam. In occasione della fine del periodo di digiuno del Ramadan. Colori, sorrisi, allegria, politica all‘insegna dell‘integrazione. Il giusto modo per ricaricarsi di positività. 
 
Roma, 22 giugno 2018
 

 

Come seguirmi in rete

Scoprite in tempo reale le iniziative e le ultime notizie sui principali social networks