Roma, 7 dic. – “Congratulazioni e auguri di buon lavoro alle commissarie ed ai commissari appena eletti nei Comites, gli organi di rappresentanza di base degli italiani all’estero. I risultati ufficiali che stanno arrivando in queste ore offrono un quadro complessivo fatto di tanti profili competenti e integrati nelle comunità locali. La bassa partecipazione, dovuta a vari fattori, tra cui il permanere del covid, non deve svilirne il ruolo”. Lo dichiara la senatrice Laura Garavini, Vicepresidente commissione Esteri e Vicecapogruppo vicaria Italia Viva-Psi. “Desidero ringraziare tutte e tutti coloro che si sono prodigati per la buona riuscita delle elezioni e che hanno lavorato nelle operazioni di spoglio e scrutinio dei voti. Compresi i dirigenti di Italia Viva sui territori che si sono spesi per appoggiare ed eleggere tante e tanti nostri candidate e candidati”.

Roma, 7 dic. - "La notizia della scarcerazione di Patrick Zaki è motivo di profonda gioia. Siamo felici che il giovane studente dell'università di Bologna possa riabbracciare i propri cari. È un bellissimo momento per quanti hanno creduto fin dal primo momento nella battaglia per 'Zaki libero'. Ed è toccante il ringraziamento di Patrick all'Italia. La pressione italiana e internazionale ha dato un primo, importante, risultato. Adesso é necessario non abbassare l'attenzione, affinché si tenga un giusto processo". Lo dichiara la senatrice Laura Garavini, Vicepresidente commissione Esteri e Vicecapogruppo vicaria Italia Viva-Psi.

Roma, 6 dic. – “Un anno fa l’Italia arrancava. Stretta tra contagi in crescita, chiusure e coprifuoco. Oggi siamo modello in Europa. Tanto da far dire alla Germania, con le parole della cancelliera uscente Merkel: “Magari fossimo messi come l’Italia”. Il nostro Paese fa scuola per numero di vaccinati. E non deve temere il rischio di chiusure natalizie, come sta accadendo invece in altri Paesi, anche nostri vicini. Merito dell’ottima strategia messa in campo dall’attuale governo”. “Che ha spazzato via qualsiasi ambiguità sui vaccini. Ha realizzato una grande campagna vaccinale a tappeto. E con il green pass prima e il super green pass ora, ha portato a vaccinarsi anche coloro che erano ancora restii. Il boom di certificati scaricati in queste ore conferma che questa è la strada giusta. E che insistere con il certificato verde paga”.

Roma, 2 dic. - "Quanto sta accadendo in queste ore con il senatore Cario presta il fianco a chi non perde occasione per tentare di cancellare il voto estero. Prendendo a pretesto casi come questo. Quando invece la soluzione non è abolirlo, ma metterlo in sicurezza. Sfruttando le nuove tecnologie che abbiamo a disposizione oggi. Come propongo nel mio disegno di legge sulla riforma del voto estero con l'applicazione del blockchain, grazie al quale è possibile mettere in sicurezza il voto garantendone allo stesso tempo la segretezza. L'auspicio è che quanto accaduto oggi in Senato sia occasione per accelerare la discussione su questo provvedimento".

Roma, 29 nov. – "Grazie al Presidente Mattarella, attento alle nostre comunità all’estero e al loro ruolo di promozione del sistema Paese nel mondo. Dal Presidente viene oggi un prezioso richiamo alla lingua italiana come naturale pilastro della nostra identità. E al sostegno degli istituti di lingua e cultura così come di una rete consolare diffusa. Proprio per valorizzare il ruolo che gli italiani all’estero possono avere nel rilancio del Paese ho presentato specifici emendamenti alla legge di bilancio. Con l’obiettivo di incrementare i fondi destinati all’insegnamento e alla promozione di lingua e cultura. In un mondo sempre più globalizzato e interconnesso, promuovere l’italiano vuol dire spingere tutto il Paese, con le sue eccellenze e i suoi talenti. Vuol dire, in definitiva, rendere concreta la ripartenza”. Lo dichiara la senatrice Laura Garavini, Vicepresidente commissione Esteri.

Roma, 25 nov. - "Il contrasto alla violenza sulle donne passa da una presa di coscienza collettiva. Da uno scatto culturale che ponga la donna su un piano di parità, e non subalternità, rispetto all'uomo. Una mutazione della mentalità comune che si ottiene promuovendo l'autodeterminazione femminile e l'indipendenza economica. Per questo grazie al lavoro della ministra per le Pari Opportunità Elena Bonetti, abbiamo fortemente voluto l'assegno unico universale e le misure per la conciliazione. Per fare in modo che ogni donna abbia la possibilità di costruirsi una propria dimensione professionale ed economica. E abbia la forza di denunciare un uomo violento". "Allo stesso modo, dobbiamo parlare alle nuove generazioni. Con giornate come quella del 25 novembre, con le campagne come 'Libera Puoi', sensibilizziamo le ragazze e i ragazzi di oggi, le donne e gli uomini di domani. La violenza contro le donne è una pandemia parallela. Possiamo sconfiggerla se ciascuno si fa carico di contrastare la violenza". Lo dichiara la senatrice Laura Garavini, intervenendo in collegamento con le studentesse e gli studenti dell'Istituto Ugo Tognazzi di Velletri.

Roma, 24 nov. - "La violenza contro le donne è una pandemia parallela. Da debellare con la medesima determinazione con la quale si combatte un virus. Al pari del virus, infatti, non basta il gesto di un singolo per eliminarlo, ci vuole uno scatto della comunità. Allo stesso modo, contro la violenza sulle donne non basta il coraggio di una singola vittima che si ribella, serve che tutta la mentalità collettiva cambi. Iniziando a equiparare dimensione femminile e maschile. In maniera tale che la donna non sia in posizione subalterna all'uomo nella società". "Questo cambio di passo si realizza promuovendo l'autodeterminazione femminile e l'indipendenza economica. Proprio in questa direzione vanno misure come l'assegno unico universale o il microcredito per l’imprenditoria femminile, attuate dalla ministra per le Pari Opportunità Elena Bonetti. Per fare in modo che ogni donna abbia la possibilità di costruirsi una propria dimensione professionale ed economica. E abbia la forza di denunciare un uomo violento, spezzando le catene di un rapporto malato". Lo dichiara la senatrice Laura Garavini, Vicepresidente commissione Esteri e Vicepogruppo vicaria Italia Viva-Psi.

La Vicecapogruppo al convegno 'Femminile Plurale' in Senato

Roma, 23 nov. - "In una fase di ripartenza, non è possibile lasciare a casa metà della forza lavoro rappresentato dalle donne. Non a caso i Paesi in cui il tasso di occupazione femminile è più alto, sono gli stessi in cui l'economia garantisce migliori performance. A partire dal Nord Europa, che da sempre offre un sistema di wellfare e di conciliazione a tutela della genitorialità e della parità di genere. Con le misure di Italia Viva al governo e della ministra Elena Bonetti, rendiamo possibile tutto questo anche in Italia". Lo ha dichiarato la senatrice Laura Garavini, Vicecapogruppo vicaria Italia Viva-Psi, intervenendo al convegno ‘Femminile, Plurale’, presso la Sala Zuccari di palazzo Giustiniani. "Con l'assegno unico, il tempo pieno, gli asili nido e le mense, facciamo in maniera tale che la componente femminile della coppia non sia più l'unica depositaria della cura della famiglia. In maniera tale che abbia la possibilità di creare la sua personale indipendenza economica. E di spezzare i legami di un rapporto malato, qualora sia vittima di violenza".

Roma, 18 nov. - "Con il via libera in Cdm del decreto attuativo, l'assegno unico universale si avvia alla sua concretizzazione. Un risultato storico, per un Paese dove c'era realmente bisogno di rimettere al centro il sostegno alla genitorialità e alle donne. Con questa misura, così come con le altre del Family Act, rendiamo possibile invertire la rotta su due mali che frenano il progresso italiano. Sia economico che culturale. La denatalità e la disoccupazione femminile. Riconoscendo una somma mensile per ogni figlio, di fatto garantiamo un sostegno a chi intende diventare genitore. E facciamo in maniera tale che le incombenze familiari non ricadano più solamente sulla donna". "In questo modo mettiamo al centro della ripartenza il protagonismo femminile e il benessere dei più piccoli. Questo vuol dire creare un Paese equo e in grado di crescere. Grazie alla ministra Elena Bonetti, per il lavoro serio e costante. Grazie a Italia Viva tutta, per averci creduto fin dal primo momento". Lo dichiara la senatrice Laura Garavini, Vicecapogruppo vicaria Italia Viva-Psi.

La senatrice interrogando in commissione il ministero degli Affari esteri

Roma, 17 nov. - "Gli enti gestori per i corsi di lingua italiana all'estero rischiano di fallire a causa del ritardo nell'erogazione dei fondi ministeriali. Gli insegnanti non possono venire retribuiti da agosto. E gli enti sono alle prese con crescenti difficoltà dal momento che neppure gli istituti bancari locali sono disposti a fare loro credito, in assenza di liquidità. Di questo passo c'è il rischio concreto che molti di loro siano costretti a chiudere e ad interrompere l’offerta dell’insegnamento della lingua italiana. Con gravi conseguenze per gli studenti. Per questo ho chiesto al Governo di procedere rapidamente con il pagamento del primo acconto, previsto per il mese di luglio, almeno a tutti gli enti che risultano essere in regola con gli adempimenti amministrativi".

Roma, 17 nov. - "Il voto espresso dalla Giunta per le autorizzazioni rischia di dequalificare lo stesso Senato. Perché di fatto convalida l'elezione di una persona che, secondo una perizia calligrafica della Procura di Roma, avrebbe palesemente truccato oltre 2mila schede elettorali. L'auspicio è che il voto nell'aula del Senato ribalti la decisione della Giunta. Allo stesso tempo, non può che destare stupore il voto dei colleghi che hanno deciso di salvare il senatore Cario. In particolare suscitano molte perplessità i 5stelle. Proprio loro, sempre giustizialisti, hanno di fatto legittimato dei brogli elettorali. Salvando uno dei "responsabili" con cui avevano tentato di impedire la fine del governo Conte II. Solo coincidenze?". Lo dichiara la senatrice Laura Garavini, Vicepresidente commissione esteri.

Come seguirmi in rete

Scoprite in tempo reale le iniziative e le ultime notizie sui principali social networks