Roma, 22 mag. – “Il ricordo della strage mafiosa di Capaci, in cui morirono Giovanni Falcone, la moglie Francesca Morvillo e tre agenti della scorta, Vito Schifani, Rocco Dicillo e Antonio Montinaro, deve sempre essere un momento di rilancio nella lotta contro le mafie e contro tutti i sistemi occulti che troppe volte hanno inquinato la vita del nostro Stato.
La necessità di continuare a chiedere di avere tutta la verità su mandanti ed esecutori di quella strage e di quelle collegate di via D’Amelio, pochi mesi dopo, e in varie città d’Italia, nel corso del 1993, non nasce solo dalla voglia di giustizia per le vittime ma soprattutto dalla piena coscienza che senza quella verità la storia della nostra Repubblica non potrà mai dirsi veramente conosciuta.

Roma, 21 mag. – “Dallo scorso mese di febbraio, gli agenti di pubblica sicurezza possono beneficiare nella Regione Puglia di una tariffa agevolata su tutti i treni e autobus regionali, grazie ad una convenzione attivata dall'Assessore ai Trasporti Giovanni Giannini. Non posso esimermi dal ricordare all'Assessore Giannini che oggi in Puglia, nella gestione di questa difficile emergenza sanitaria, il coinvolgimento delle nostre Forze armate a fianco delle altre forze di Polizia è altissimo”.

Roma, 19 mag. - "Anche gli italiani all’estero indigenti che rientrano in Italia entro giugno a seguito deIla crisi prodotta dal coronavirus, potranno usufruire del reddito di emergenza REM. Un sussidio dell‘ammontare di 400 euro, che verrà erogato per un massimo di due mensilità. Il Governo ha infatti accolto la richiesta pervenuta da Italia Viva e da rappresentanze di base come il Cgie, di estendere anche agli italiani iscritti all'Aire le misure introdotte ad hoc nel decreto rilancio, per italiani finiti in gravi difficoltà economiche a seguito della pandemia covid-19. Con un'apposita domanda all’INPS, da inoltrarsi tramite patronato, si potrà ottenere un sostegno economico di 400 euro per due mesi per chi ha un Isee (Indicatore della Situazione Economica Equivalente) non superiore ai 15mila euro e un patrimonio mobiliare familiare inferiore a 10.000 euro (accresciuto di euro 5.000 per ogni componente, fino ad un massimo di 20mila euro).

 

Roma, 18 mag. – “Le aziende che oggi investono in Italia mantengono e creano posti di lavoro. E lo fanno in un momento particolarmente difficile per l’economia. Il compito delle istituzioni e di chi fa politica è di sostenere chi dà occupazione e metterlo nelle condizioni di operare al meglio. Il fatto che il gruppo Fiat Crysler chieda allo Stato italiano la garanzia di un prestito per investimenti in occupazione non può essere considerato un argomento tabù. Né può essere utilizzato come pretesto per attaccare quegli esponenti politici che plaudono alla salvaguardia dei contratti, grazie all’operazione di Fca”.

Roma, 14 mag. – "Con la regolarizzazione di braccianti, colf e badanti togliamo un business alle mafie e restituiamo dignità a chi finora era invisibile. Creando un vantaggio economico per l’Italia. Non solo in termini di forza lavoro. Ma anche di gettito fiscale. Ora è importante che si proceda rapidamente con gli aiuti alle aziende, così che anche gli stessi imprenditori siano nelle condizioni di poter offrire un’opportunità occupazionale alle circa 200mila persone che potranno usufruire del permesso temporaneo".

Roma, 12 mag. – “Magistrati, sindacalisti, studenti, operai, semplici cittadini. Abbiamo un debito di verità nei confronti di tutte le persone uccise per mano del terrorismo. Come verso i tanti militari caduti. Donne e uomini di Stato, uccisi durante agguati, rapine o attentati, solo perché stavano facendo il loro dovere. Il nostro compito è fare il possibile affinché fatti così drammatici non si ripresentino più. E l’unico modo è lavorare sulla coscienza civile comune. Sensibilizzandola. Rifiutando qualsiasi forma di violenza. A partire da quella avallata dal populismo, che spesso ricorre ad un linguaggio prevaricatore che rende ancora più duro il contrasto politico. E istiga all’odio contro il singolo nemico”.

Roma, 6 mag. – “Per salvare il raccolto in agricoltura delle prossime settimane, mancano in Italia 300mila lavoratori agricoli. La strada per sopperire a questa lacuna è la regolarizzazione di coloro che già oggi lavorano, in nero e sfruttati, nei nostri campi. Prima che si creino danni alla nostra economia e carenze di approvvigionamento alimentare. Confortano le parole di Papa Francesco, che facendo suo l’appello di alcuni migranti  per la regolarizzazione, ha reso universale una battaglia, ancora incomprensibilmente contrastata da troppi. anche all’interno della stessa maggioranza. Far emergere il lavoro nero fa bene a tutti i lavoratori. E alla nostra economia”. Lo dichiara la Senatrice Laura Garavini, Presidente Commissione Difesa e Vicepresidente vicaria gruppo Italia Viva-Psi.

Roma, 6 mag. – “L’avvio della fase due è ancora poco coraggiosa. Altri Paesi non solo non hanno mai chiuso totalmente le attività produttive come avvenuto da noi, ma possono anche permettersi investimenti maggiori per sostenere la ripresa grazie alle politiche fiscali virtuose messe in campo negli anni scorsi. Questo ci deve allertare perché vuol dire che la nostra economia rischia di essere doppiamente penalizzata. Dal blocco delle attività. E dalla concorrenza degli altri Paesi, in grado di sostituirci in questa fase di nostro inattivismo”. Lo ha dichiarato la Senatrice Laura Garavini, Presidente Commissione Difesa e Vicepresidente vicaria gruppo Italia Viva-Psi, intervenendo in diretta, ospite di Italia Viva Piemonte.

Roma, 6 mag. – “Lo scorso anno presentai una interrogazione parlamentare sulla vicenda del Consolato italiano a Montevideo, a seguito delle preoccupazioni espresse dai rappresentanti della nostra collettività e delle notizie apparse sui media locali. Chiedevo maggiore trasparenza e chiarezza su tempi e procedure dell’appalto per la costruzione di un nuovo edificio nonché un maggiore coinvolgimento degli organismi di rappresentanza della grande comunità italiana che vive in quel Paese”. “Oggi la mia preoccupazione di allora si ripropone, visto che nel bel mezzo della pandemia si accellera improvvisamente su una operazione dai contorni ancora poco chiari. Sono certa che il governo e il Ministro degli Esteri sapranno esprimersi in proposito,  anche in considerazione della emergenza in corso e delle relative richieste di assistenza da parte degli italiani all'estero”. Lo dichiara la Senatrice Laura Garavini, Presidente Commissione Difesa e Vicepresidente vicaria gruppo Italia Viva-Psi.

Roma, 5 mag. – “Giusto il richiamo della ministra Bellanova. Nei nostri campi manca manodopera. Portiamo nella legalità chi già ci lavora. Stessa cosa nelle nostre case, rispetto al personale di cura: colf e badanti. L’emergenza  sanitaria può essere un’occasione per scardinare vecchi mali italiani. Come lo sfruttamento nei campi, contro il quale già ci eravamo battuti con il Governo Renzi attraverso l’introduzione della legge sul caporalato. Adesso è il momento di fare un salto ulteriore, regolarizzando chi ancora vive nell’illegalità”. Lo dichiara la Senatrice Laura Garavini, Presidente Commissione Difesa e Vicepresidente vicaria gruppo Italia Viva-Psi.

 

Roma, 5 mag. – “Con l’avvio della Fase due, tre lavoratori su quattro, di quelli che riprenderanno servizio, sono uomini. Un dato che, confermato nel tempo, andrebbe a peggiorare ulteriormente la situazione lavorativa di tante donne, impegnate in modo più che proporzionale rispetto ai mariti e compagni maschi, nelle occupazioni domestiche o di cura della famiglia. Già prima dell’emergenza da covid-19 il tasso di occupazione femminile italiano in Italia era drammaticamente basso, con una media del 49,9 per cento a fronte di quella europea pari al 67,3 per cento".

Come seguirmi in rete

Scoprite in tempo reale le iniziative e le ultime notizie sui principali social networks