Roma, 9 giu. - "L'approvazione dell'Europarlamento rende possibile la piena operatività del certificato digitale Ue a partire dal primo luglio. Un traguardo importante per la ripresa della mobilità europea e del turismo estivo. Ora è il momento che l'Italia ne anticipi l’applicazione l. Abolendo il tampone ancora richiesto per l’ingresso dai Paesi dell’Unione Europea e dell’area Schengen, Gran Bretagna e Israele. Anche a chi è vaccinato. Una norma ormai superata dall’introduzione del green pass europeo. E che però permane, in base all’ultima ordinanza del ministro Speranza". "Così rischiamo che altri Paesi intercettino i nostri flussi turistici. Ad esempio la vicina Francia, che ha già autorizzato gli ingressi ai vaccinati senza tampone. È importante che il ministero della Salute pubblichi una nuova ordinanza che vada in questa stessa direzione. Per non danneggiare il turismo e la mobilità di studio e lavoro. L’Italia aveva anticipato l’Europa. Avviando subito il green pass e abolendo la quarantena. Non perdiamo questo vantaggio". Lo dichiara la senatrice Laura Garavini, Vicepresidente commissione Esteri.

Roma, 7 giu. – "L'assegno unico è un grande risultato per le politiche di welfare italiano e per la conciliazione delle famiglie. Perché innesca finalmente un cambio di passo. Nel quale viene riconosciuto il valore sociale del mettere al mondo e crescere dei figli. La misura prevede inoltre una maggiorazione dal terzo figlio in poi. Esattamente come accade già in Francia. Non a caso uno dei Paesi con il più alto tasso di natalità nell'Unione. Con questo ulteriore tassello, l’Italia si allinea agli standard europei. Stimolando la crescita della curva demografica. E evita che le donne debbano ancora scegliere tra lavoro e famiglia". Lo ha dichiarato la senatrice Laura Garavini, Vicepresidente commissione Esteri e Vicecapogruppo vicaria Italia Viva-Psi, intervenendo in collegamento all’incontro 'Parola gli italiani in Lussemburgo' promosso dal comitato locale di Italia Viva.

Roma, 7 giu. – “Guglielmo Epifani è stato un sostenitore leale e coerente dei diritti lavoratori. Attento anche alle nuove professioni e forme di precariato, ha impresso nelle lotte sindacali il suo stile garbato e deciso. Primo socialista a guidare la Cgil, la sua figura rimarrà sempre una pagina centrale per la storia del sindacato”. Lo dichiara la senatrice Laura Garavini, Vicepresidente commissione Esteri e Vicecapogruppo vicaria Italia Viva-Psi.

Roma, 4 giu. - "L'assegno unico è realtà. Sono orgogliosa di fare parte di una realtà politica che mette l'autodeterminazione femminile al primo posto. E con misure concrete. Questo, oggi, significa essere femministi". Lo dichiara la senatrice Laura Garavini, Vicecapogruppo vicaria Italia Viva - Psi.

Roma, 4 giu. - "A trentuno anni di distanza, la forza di quella società civile che chiedeva solamente libertà e diritti è ancora di ispirazione per tutti noi. Chi crede nella democrazia non può che guardare al massacro di Tienammen come a una pagina buia che non deve più ripetersi. Come europei e come rappresentanti delle istituzioni siamo tenuti a non voltarci dall'altra parte, rispetto al mancato rispetto dei diritti che la Cina ancora oggi purtroppo troppo spesso perpetra. Nello Xinjiang. Così come a Hong Kong. Ad esempio con il perdurare del divieto di qualsiasi commemorazione legata a Tienammen. Ecco che non fa bene alle istituzioni italiane il fatto che il maggior partito di maggioranza adotti un atteggiamento indulgente nei confronti di tutto questo. Divulgando un dossier filo cinese del quale non si conoscono tutti gli autori. La cui legittimità non è certa. E che cita tematiche ricorrenti nella propaganda dei funzionari di Pechino e nella disinformazione sui media cinesi, come la presunta bontà dei centri di rieducazione. Una parte del Movimento 5 stelle continua a prestare il fianco a una propaganda che favorisce il permanere dell'autoritarismo cinese. Noi, invece, dobbiamo promuovere dialogo e democrazia. Condannando tutto ciò che è repressione, esattamente come facciamo con Tienammen. Come europei siamo sempre custodi delle libertà. Non a fasi alterne". Lo dichiara la senatrice Laura Garavini, Vicepresidente della Commissione Esteri.

Roma, 3 giu. – "I Comuni di frontiera presentano forme di mobilità e turismo specifiche. Spesso legate a flussi di poche ore, proprio grazie alla loro posizione a cavallo tra più territori. La richiesta di tamponi o di una quarantena per chi fa ingresso in queste aree è inconciliabile con gli ingressi dalla Confederazione Elvetica e con lo shopping di confine o il turismo di giornata. Fenomeni che vanno favoriti in questo momento di ripartenza economica. Ecco perché sarebbe strategico estendere a tutti i territori di frontiera quanto già previsto dal Ministro Speranza con un’ordinanza per gli spostamenti transfrontalieri nelle Regioni a Statuto speciale e a Trento e Bolzano. Agevolando l'ingresso di flussi provenienti dalla Svizzera". Lo dichiara la senatrice Laura Garavini, Vicepresidente commissione Esteri e Vicecapogruppo vicaria Italia Viva-Psi.

Roma, 2 giu. – “Le celebrazioni per la Festa del 2 giugno sono quest’anno particolarmente simboliche. Per la loro coincidenza con una fase finalmente di rinascita e ripresa nel presente così come lo fu la nascita della Repubblica. Lo sforzo democratico di allora nasceva dal desiderio di superare nazionalismi e barriere e dalla consapevolezza che divisi si è deboli.Lo stesso sforzo che ha portato, qualche anno dopo, alla nascita della Comunità e poi dell’Unione Europea. Questo grande processo di integrazione e pacificazione continua ancora oggi. Ha trovato una rinnovata forza e solidarietà proprio nell’emergenza pandemica”. “Ecco perché l’auspicio di tutti noi, democratici ed europeisti, non può che essere trarre ispirazione dal sentimento di unione e condivisione per rifondare l’Italia e l’Europa del domani. Siamo chiamati ad essere anche noi costruttori di un nuovo Paese. Così come lo furono i nostri padri costituenti. Siamo veramente a un punto di svolta. Sfruttiamolo al meglio”. Lo ha dichiarato la senatrice Laura Garavini, Vicepresidente commissione Esteri, intervenendo in collegamento per le celebrazioni del 2 giugno a Rehlingen, in Germania.

Roma, 1 giu. – "Quanto accaduto con l’arresto di Andrei Pivovarov da parte di Mosca rappresenta l’ultimo episodio di una sistematica repressione della libertà di pensiero in Russia. Per L’Unione Europea è importante preservare il dialogo con la Federazione, in virtù degli opportuni rapporti commerciali e di buon vicinato geopolitico. Questo, però, non può voler dire prescindere dal rispetto dei diritti civili e politici. l’Unione Europea non può che prendere una posizione chiara e netta pronunciandosi apertamente per la liberazione di Andrei Pivovarov e degli altri oppositori. Dando così un segnale anche ad altri Paesi che seguono le medesime politiche repressive alle poste della nostra Europa, come la Bielorussia". Lo dichiara la senatrice Laura Garavini, Vicepresidente commissione Esteri.

Roma, 31 mag. – “Sono trascorsi ottanta anni dalla redazione del Manifesto di Ventotene. E possiamo affermare che il sogno di Altiero Spinelli è sempre più realtà. Stiamo concretamente realizzando una federazione di Stati in grado di garantire pace e benessere per i cittadini d’Europa. La pandemia, che poteva sembrare uno scoglio difficile da superare, ci ha rinforzato ancora di più nel nostro senso d’unione. In un passaggio storico che può rivelarsi cruciale per il l’Italia. Grazie a un governo con una guida autorevole e riconosciuta, abbiamo la possibilità di prendere in mano le redini del futuro dell’Ue. Non solo il Covid, infatti. Ma anche la gestione dei flussi migratori e dell’accoglienza. Le politiche per i giovani e per la conversione energetica. Sono molteplici le sfide che ci attendono nell’immediato futuro. E l’Italia è nella posizione di poter seguire la sua vocazione naturale, da Paese fondatore a guida europea”. Lo ha dichiarato la senatrice Laura Garavini, Vicepresidente commissione Esteri, intervenendo al dibattito ‘Post Covid. L’Europa tra noi’ promosso dall’associazione Agorà.

Roma, 31 mag. - "Il via alla piattaforma green pass è una bella notizia per la mobilità e l'Unione europea tutta. Ripartire e facilitare la libera circolazione vuol dire tornare ad essere più vicini. Più connessi. Più liberi. In una parola, più europei" Lo dichiara la senatrice Laura Garavini, Vicepresidente commissione Esteri.

La Vicepresidente commissione Esteri intervenendo in collegamento con l'Università della Calabria

Roma, 26 mag. - "La ripartenza e le risorse rese disponibili dal Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza  possono essere una straordinaria occasione per il Meridione. A partire dal turismo. Che proprio nel Mezzogiorno può avere una funzione centrale, anche per il rilancio di territori interni. Ma anche nel favorire il rientro dei giovani. Le cui partenze negli ultimi anni hanno di nuovo interessato numerose regioni del Sud in maniera drammatica". Lo ha dichiarato la senatrice Laura Garavini, Vicepresidente commissione esteri, intervenendo ad una lezione del master sul 'Turismo delle radici' organizzato dall'Università della Calabria. "Tutto questo si può realizzare, purchè ci sia un cambio di paradigma. Con investimenti che non siano orientati a misure di assistenzialismo. Ma che, al contrario, sostengano l'iniziativa imprenditoriale e l'innovazione. Attraverso la digitalizzazione dei servizi. Grazie alla quale è più facile promuovere la fruizione dei luoghi. E favorendo il turismo di ritorno. Reso possibile dalle nostre comunità all'estero. Un vero e proprio volano di sviluppo per tanti nostri borghi e centri storici" ha concluso la senatrice. 

Come seguirmi in rete

Scoprite in tempo reale le iniziative e le ultime notizie sui principali social networks