La capolista al Senato nella circoscrizione Estero-Europa intervenendo a Bruxelles. “Il Partito Democratico è l’unica forza europeista del Paese”
 
“Le prossime elezioni politiche ci chiamano a una grande responsabilità. Quella di preservare l’assetto democratico ed europeista dell’Italia. Il un contesto internazionale sempre più minacciato da forze xenofobe, possiamo e dobbiamo resistere ai venti estremisti che rischiano di soffiare anche nel nostro Paese. Una salvaguardia che sarà possibile solo con un nuovo Governo a guida Pd”.

“Il Partito Democratico è attualmente l’unica forza politica italiana non populista. L’unicaformazione partitica che guarda all’Europa in un’ottica costruttiva. E non distruttiva. Noi, donne e uomini del Pd impegnati in campagna elettorali, ci sentiamo investiti di un grande compito”.

“Quello di restituire nuovamente all’Italia una guida democratica. Moderna. Che riconosca i diritti di tutti. A prescindere dalla provenienza geografica, dall’orientamento religioso o sessuale. Alle prossime elezioni politiche, diciamo noi ai populisti. E sì all’Europa”.

Lo dichiara Laura Garavini, capolista PD al SENATO nella circoscrizione Estero - Europa, intervenendo a Bruxelles all’incontro ‘Partito-Paese-Europa’ organizzato dal locale circolo del PD.

La Capolista al Senato nella circoscrizione Estero-Europa in visita a Pirano, in occasione dell’assemblea annuale della Comunità Italiana

“Il senso di identità e di appartenenza rappresentano principi fondamentali per chi vive fuori dai confini nazionali. In questi anni di Governo, noi del Partito Democratico abbiamo sostenuto questi valori con azioni concrete. Ad esempio rinnovando i finanziamenti per le minoranze italiane fiumane, giuliano e dalmate con la Legge 73. Garantendo così fondi per lingua e cultura e per il sostegno delle Comunità Italiane in Slovenia e Croazia. In questo modo il PD dimostra che l’identità culturale si difende con iniziative positive. Non con i populismi o con i nazionalismi antieuropeisti”.

Lo ha dichiarato Laura Garavini, capolista PD al SENATO nella circoscrizione Estero - Europa, intervenendo ieri a Pirano in occasione della Assemblea annuale della Comunità Italiana. Alla presenza di Manuela Rojez, presidente della Comunità Italiana Giuseppe Tartini di Pirano, di Fabrizio Somma, Direttore generale della Università popolare di Trieste, di Maurizio Tremul, Presidente della Giunta esecutiva della Unione Italiana, di Nadia Zigante, Presidente della Can di Pirano, di Fulvia Zudic, responsabile del settore Cultura della Comunità, e di Cristian Cnez, del Centro Studi Storici di Pirano, Laura Garavini ha concluso:

“Non posso che esprimere un profondo apprezzamento per le attività di natura culturale messe in campo dalla Comunità Italiana di Pirano. Esempio virtuoso di come si possano utilizzare in maniera proficua le risorse stanziate dal nostro Governo”.

La Capolista al Senato per la Circoscrizione Estero-Europa intervenendo a Pola presso la Comunità Italiana

“Siamo consapevoli del peso storico e culturale delle comunità istriane, fiumane e dalmate. Il Partito Democratico crede nel valore dell’appartenenza e nel rispetto delle minoranze. E lo abbiamo dimostrato con fatti concreti. Attraverso lo stanziamento di risorse pluriennali per la tutela delle minoranze italiane residenti in Slovenia e Croazia e per le Comunità Italiane che rappresentano il tessuto connettivo tra tutti i concittadini dell’area.
In vista del prossimo appuntamento elettorale che vedrà la partecipazione anche degli italiani nel mondo alle politiche di inizio marzo è importante tenere presente questa sensibilità e proseguire su questa strada. Andando a votare e dando di nuovo al Paese un Governo a guida PD”.


Lo dichiara Laura Garavini, capolista PD al SENATO nella circoscrizione Estero - Europa, intervenendo presso la Comunità Italiana di Pola, insieme alla Presidente Tamara Brussich, al Presidente della Giunta esecutiva della Unione Italiana Maurizio Tremul  e al Direttore della Università popolare di Trieste, Fabrizio Somma.

“La scelta coraggiosa della SPD di Martin Schulz di puntare sugli Stati Uniti d’Europa come base degli accordi di Grande Coalizione è un segnale importante. L’Europa non è scontata. Al contrario, è necessario un forte impegno perché si trasformi in un’Europa più democratica, trasparente e sociale, un’Europa in cui i cittadini possono finalmente tornare ad avere fiducia. Noi del PD perseguiamo da tempo un rilancio dell’integrazione europea. Per questo credo che le condizioni poste da Martin Schulz per un rilancio dell’Europa siano una grande opportunità, non solo per pervenire in Germania a un Governo, ma anche per un netto cambio di paradigma a livello europeo.

Insieme alle forze europeiste di Germania e Francia, l’Italia a guida PD può diventare elemento chiave dello sviluppo europeo”. Lo dichiara Laura Garavini, capolista PD al SENATO nella circoscrizione Europa, in occasione del ricevimento di inizio anno della SPD di Karlsruhe, organizzato in collaborazione con il circolo PD locale e dedicato al tema ‘Ripensare l’Europa – per una nuova solidarietà in Europa’.

Come seguirmi in rete

Scoprite in tempo reale le iniziative e le ultime notizie sui principali social networks