Roma, 18 feb. – “Riconoscere alla madre la possibilità di trasmettere il cognome è una battaglia di civiltà. Della quale mi sono fatta promotrice in prima persona fin dal 2014, quando depositai per la prima volta un disegno di legge apposito, mirato a riconoscere a entrambi i genitori il diritto a dare il proprio cognome ai figli. Esattamente come avviene già in molti Paesi d’Europa. Disegno di legge che ho ripresentato al Senato. Bene l’impegno della ministra Bonetti nel rilanciare la questione e sensibilizzare il Parlamento all’approvazione di una legge sul cognome materno. In un momento di ricostruzione, nel quale il contributo femminile allo sviluppo del Paese è centrale, diventa ancora più importante promuovere azioni concrete per la parità di genere. Una parità che nasce già dentro le mura di casa”. Lo dichiara la senatrice Laura Garavini, Vicepresidente commissione Esteri e Vicecapogruppo vicaria Italia Viva-Psi.

Roma, 16 feb. - "Il contributo della ricerca è una leva centrale nella ricostruzione del Paese. E' estremamente positivo, quindi, che il Governo riconosca il valore delle ricercatrici e ricercatori italiani e l'importanza di sostenere il rientro dei tanti di loro che sono all'estero. Promuovendo, parallelamente, la presenza femminile nella scienza. Come confermato oggi dal premier Draghi. Con l'impegno di un miliardo per aumentare le donne nel mondo della ricerca. Risorse che si aggiungono agli oltre 30 miliardi per istruzione e ricerca già previsti nel Pnrr. In questo modo realizziamo un Paese più moderno. Un'Italia capace di attrezzarsi al meglio per superare le sfide del futuro". Lo dichiara la senatrice Laura Garavini, Vicepresidente commissione Esteri.

Roma, 10 feb. - "Solidarietà a tutta la redazione del Tg2 e al direttore Sangiuliano. Il Giorno del Ricordo ha un valore solenne, che va oltre qualsiasi appartenenza politica. Gravissimo violarne la memoria. Chi lo oltraggia via web non è meno colpevole di chi lo fa nella realtà". Lo dichiara Laura Garavini, Vicepresidente della Commissione Esteri e Vicecapogruppo vicaria Italia Viva-Psi.

 

 

Roma, 15 feb. - "Sull'Ucraina bene l’intervento del Cancelliere tedesco Olaf Scholz. Che, riaffermando il diritto alla sovranità territoriale dell'Ucraina, ha specificato come non esistano attualmente ipotesi di ingresso di Kiev nell'Alleanza Atlantica.
E al tempo stesso ha messo a disposizione dell’Ucraina nuove risorse, ma nessuna fornitura di armi. Mostrando che si può evitare una guerra anche senza ricorrere ad un progressivo riarmamento. Là dove prevalga la politica. Una mediazione pragmatica che ha aperto uno spiraglio di distensione da parte del Cremlino". Lo dichiara la senatrice Laura Garavini, Vicepresidente della Commissione Esteri.

Roma, 10 feb. - "Il dramma delle foibe e dell'esodo istriano-dalmata testimonia come la contrapposizione ideologica violenta e l'odio per l'avversario politico conducano solo a conseguenze drammatiche. Ecco perché è importante aver restituito alla consapevolezza collettiva la memoria degli innocenti uccisi nelle foibe o degli istriani, fiumani e dalmati costretti a lasciare le loro terre. Uno dei maggiori drammi del Novecento, troppo a lungo taciuto. E che oggi, grazie a momenti di riflessione come quelli promossi nell'ambito della Giornata del ricordo, diventa patrimonio comune. Per questo, sbaglia chi utilizza le foibe o l'esodo degli italiani al confine orientale come pretesto per delle rivendicazioni politiche di parte o, peggio, per fomentare uno scontro ideologico. Se c'è un insegnamento che, più di tutti, ci viene dalla Giornata del 10 febbraio, è proprio quello di evitare gli estremismi. Sono vicina ai parenti delle vittime delle foibe. Così come alle nostre comunità istriano-dalmate che furono obbligate a lasciare la propria terra per trovare rifugio in patria o all'estero. E che ancora oggi portano avanti un grande lavoro di promozione della memoria". Lo dichiara la senatrice Laura Garavini, Vicepresidente commissione Esteri e Vicecapogruppo vicaria Italia Viva-Psi.

Roma, 9 feb. - "Non è accettabile che vengano usati manganelli da parte di servitori dello Stato contro studenti disarmati. Questi atti di violenza sono stati un'offesa alla memoria del giovane Lorenzo Parelli, al quale erano dedicati i cortei. Così come è altrettanto un oltraggio alla sua memoria il tentativo da parte di alcune forze politiche di strumentalizzare quanto accaduto. Con l’unico obiettivo di soffiare sulle paure. Per mettere in discussione l’operato di chi siede attualmente al Viminale. Siamo certi che la Ministra Lamorgese saprà fare chiarezza su responsabilità e dinamica di quanto accaduto. Scongiurando che le legittime proteste possano ancora essere infiltrate da chi intende alimentare la violenza".
"Il dramma occorso a Lorenzo Parelli ha spinto in tanti a mettere in discussione l’alternanza scuola-lavoro. Un modello invece virtuoso, che in alcuni paesi europei, a partire dalla Germania, ha dimostrato di funzionare. Qui la questione non è mettere un punto all’alternanza. Ma mettere in sicurezza chi partecipa ai progetti di alternanza. Altrimenti rischieremmo di privare proprio quei giovani che manifestano di una possibilità di inserimento nel mondo professionale. Hanno trascorso quasi due anni in dad, non togliamo loro anche questa opportunità". Lo dichiara la senatrice Laura Garavini, Vicepresidente commissione Esteri e Vicecapogruppo vicaria Italia Viva-Psi.

La senatrice intervenendo nel corso delle audizioni del ministro degli Esteri Di Maio e del ministro della Difesa Guerini a commissioni congiunte di Camera e Senato

Roma, 8 feb. - "Nonostante l’acuirsi della strategia della tensione di queste settimane, è necessario ribadire con chiarezza il principio della sovranità e dell’indipendenza dell’Ucraina. Va salvaguardata l’integrità territoriale dei singoli paesi, condannando fermamente la minaccia di una possibile invasione da parte della Russia. Così come non può essere accettata la richiesta del Cremlino di imporre vincoli a singoli stati, vietando loro di aderire ad organizzazioni internazionali, a partire dalla Nato". "Sulla questione ucraina serve una risposta compatta dell'Europa, nel solco della comunanza di valori dell’Alleanza atlantica in cui ci riconosciamo fermamente. Capaci di tenere aperto il dialogo con la Russia e di allentare al contempo le tensioni in atto. L’Europa non deve dare l’impressione di intervenire in ordine sparso”. Lo ha dichiarato la senatrice Laura Garavini, Vicepresidente della Commissione Esteri, intervenendo nel corso delle audizioni del ministro degli Esteri Di Maio e del ministro della Difesa Guerini a commissioni congiunte di Camera e Senato.

Roma, 7 feb. – "Auguri a Vasco Rossi per i suoi 70 anni. Interprete senza tempo, grazie alla sua capacità di dare voce a più generazioni comunicando nelle sue note ogni stagione dell’animo umano, dal rock più irriverente di inizio carriera alla dolcezza malinconica di alcune liriche più recenti. Nella sua opera prosegue una grande tradizione musicale emiliana, che ha visto in questa regione nascere e formarsi autori immensi. Da Lucio Dalla a Laura Pausini e Zucchero, solo per citarne alcuni. Italiani che ci rendono orgogliosi nel mondo. Buon compleanno Vasco".  Lo dichiara la senatrice Laura Garavini, Vicepresidente commissione Esteri.

Roma, 7 feb. – "Trent'anni fa i 12 Stati della Cee firmavano l’accordo di Maastricht. Con la nascita della moneta unica e della cittadinanza europea, quella che era stata fino a quel momento una comunità economica diventava finalmente un’unione tra cittadine e cittadini. Un passaggio epocale, che ha segnato in positivo il futuro dei nostri Paesi. Da quel 7 febbraio del 1992, infatti, è stata percorsa molta strada. E i risultati dimostrano che è stata la scelta giusta. Oggi siamo il più grande spazio al mondo di tutela dei diritti e della democrazia. Un cammino rinforzato dalla risposta alla pandemia. Con la riscoperta dei valori fondanti di condivisione e solidarietà". 

Roma, 3 feb. – “Grazie Presidente Mattarella. Con la sua presenza l’Italia consolida la sua dimensione convintamente atlantista e la sua missione di Paese federatore europeo. È importante che, nel suo discorso di giuramento, il Presidente abbia richiamato alla necessità di rafforzare il processo di rilancio dell’Unione Europea nato dalla risposta alla pandemia. E di un protagonismo italiano nella costruzione del futuro europeo”. “L’Italia descritta dal Presidente Mattarella è il Paese che, come Italia Viva, ci impegniamo costantemente a realizzare. Più giusta e moderna, attenta a donne e giovani, in grado di superare il declino demografico. E sempre dalla parte delle istituzioni libere e democratiche. Orgogliosi di aver eletto sette anni fa Sergio Mattarella al Quirinale. Ancora più orgogliosi di averlo rieletto per il suo secondo mandato”. Lo dichiara la senatrice Laura Garavini, Vicepresidente commissione Esteri e Vicecapogruppo vicaria Italia Viva-Psi.

Roma, 31 gen. - "Buon lavoro ad Antonio Costa. Il partito socialista portoghese raggiunge una maggioranza più ampia delle aspettative, distaccando le destre e conquistando più seggi di quelli che contava prima. Ora potrà formare un esecutivo più incisivo del precedente, nel quale era ancora vincolato all'alleanza con la sinistra radicale. La dimostrazione che in Europa c'è voglia di riformismo e di politiche progressiste. Non di ideologismi superati e ormai inadeguati all'attualità". Lo dichiara la senatrice Laura Garavini, Vicepresidente commissione Esteri e Vicecapogruppo vicaria Italia Viva-Psi.

Come seguirmi in rete

Scoprite in tempo reale le iniziative e le ultime notizie sui principali social networks